Jetpack per soccorrere ad alta quota: ecco l’idea che diventa realtà

Usare un Jetpack per poter soccorrere le persone in difficoltà durante una valanga? Da oggi diventa realtà

0
31

Richard Browning, fondatore e capo pilota collaudatore di Gravity Industries, parla del futuro dei Jetpack nella società moderna.

Il primo modello funzionante della tuta da jet è decollato nel 2017. Ora sta trovando ogni sorta di nuove applicazioni, grazie all’abilità di potersi spostare su qualsiasi tipo di terreno in modo incredibilmente rapido.

Onestamente penso che questo sia un fantastico sistema“, ha detto Browning. Charley Shimanski, direttore educativo dell’Associazione Soccorso Alpino, ha detto prima di tutto che gli piacerebbe provare le tute jet in Colorado.

“Vogliamo davvero affrontare la questione, e se c’è una forte domanda o un forte bisogno, saremo felici di usarlo“, ha detto Shimanski.

A parte le preoccupazioni per un motore a combustione che sorvola alcune delle parti più aride del nostro stato, combinate con le preoccupazioni sull’altitudine e su come ciò influenzerebbe il volo di un paramedico, Shimanski ha affermato di essere concentrato sul costo rispetto al beneficio dell’intera operazione.

Il sogno di ogni paramedico

“La grande domanda è: trasportare un paramedico con una quantità limitata di carico utile molto rapidamente sarà davvero un punto di svolta per noi? Ed è questo che vogliamo essere in grado di sperimentare davvero”.

Tuttavia, quando arriva il momento critico, Shimanski non può fare a meno di essere curioso della possibilità di inviare paramedici che volano su per il fianco di una montagna per raggiungere le vittime in tempi record.

“Penso che potrebbe facilmente essere un qualcosa che potrebbe essere molto, molto fattibile, che si tratti della tuta da jet o meno resta da vedere”.

Browning sta attualmente intraprendendo molteplici usi potenziali per la sua creazione tra operazioni militari e SAR, ma ha affermato che i salvataggi da valanga sono una strada che vogliono esplorare.

“È una delle cose nella nostra lista dei desideri perché penso che potrebbe avere davvero un seguito in futuro”.