Elettrica potenza su due ruote: Scopri lo scooter ispirato al Tesla Cybertruck!

0
34

Il design del Tesla Cybertruck è sicuramente uno dei più distintivi sul mercato. Che sia piacevole o meno, il pick-up elettrico di Elon Musk ha lasciato un’impressione duratura ancor prima di essere consegnato ai clienti. L’impatto del Cybertruck è stato così forte che alcune aziende hanno preso spunto da esso per creare i propri prodotti.

Questo è il caso dell’Infinite Machine P1, uno scooter elettrico prodotto negli Stati Uniti, il cui design ricorda quello estremamente squadrato del pick-up Tesla.

Lo scooter elettrico presenta linee minimaliste e “blocky”, proprio come il Cybertruck. Inoltre, l’abbondante utilizzo di acciaio e alluminio a vista fa sembrare il P1 quasi un “fratello minore” del grande pick-up di Musk.

Lo scooter è accompagnato da un’app per smartphone che utilizza Apple CarPlay per riprodurre la musica attraverso gli altoparlanti integrati. Inoltre, sono disponibili aggiornamenti over-the-air e un sistema di antifurto satellitare che può bloccare lo scooter da remoto.

Il powertrain del P1 è composto da un motore da 17 CV, che consente una velocità massima di 88 km/h e viene alimentato da un pacco batterie da 4,32 kWh. Questo gli permette di percorrere circa 100 km in città.

Naturalmente, uno scooter con un design così particolare viene venduto a un costo elevato. Infatti, il prezzo di partenza del P1 è di 10.000 dollari (circa 9.000 euro), e la prima fase di preordine è già esaurita. Nei prossimi mesi sarà disponibile anche la vendita online per tutti gli altri potenziali clienti interessati ad abbinare il loro Cybertruck a questo mezzo.

La produzione del P1 inizierà nel corso del 2024, ma non è ancora chiaro se questo scooter sarà venduto anche al di fuori degli Stati Uniti.

Articolo precedenteLa nuova Toyota SUV: lusso, potenza e versatilità su strada e campeggio!
Prossimo articoloUn miracolo sul campo: il calciatore sopravvive a un incidente che avrebbe potuto essere una tragedia
Felice Galluccio
Giornalista pubblicista. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di comunicazione: rassegna stampa, addetto stampa, addetto alle pubbliche relazioni, creazioni eventi, correttore di bozze, direttore editoriale di un giornale online, editorialista, social manager.