Elettrizzante novità: gli sci elettrici per le strade!

0
54

In molte regioni del mondo, questo è il momento ideale per praticare lo sport invernale della sciata. Tuttavia, negli ultimi tempi, l’opportunità di cimentarsi su piste innevate è stata estremamente variabile a causa delle condizioni meteorologiche.

E se vi dicessimo che non è più necessario attendere l’arrivo della neve per poter sciare? La pedana a quattro ruote chiamata “Skwheel One” rappresenta il primo sci elettrico del mondo. Questo innovativo dispositivo permette di simulare l’esperienza di sciare anche su terreni non innevati.

Il grande pattino è dotato di quattro motori da 600 watt ciascuno, due per piede, per una potenza totale di 2400 watt. La velocità massima autolimitata è di 80 km/h e, con una batteria leggera da soli 1,2 kg, offre un’autonomia massima di 30 km. L’azienda dichiara che il tempo necessario per una carica completa è di circa due ore.

Secondo il produttore, il sistema di rotazione degli pneumatici simula fedelmente la sensazione della sciata e il telaio in composito di carbonio garantisce flessibilità e durata. Inoltre, il sistema di sospensioni integrato permette di affrontare alcune asperità del terreno e persino dei salti. Per quanto riguarda i freni, la Skwheel One include sia un modulo frenante meccanico per arresti rapidi che uno elettronico per la frenata fine.

Sebbene attualmente sia ancora un prototipo, si prevede che gli sci elettrici Skwheel One verranno lanciati sul mercato entro giugno 2024. L’azienda ha già aperto i pre-ordini tramite Indiegogo al prezzo di 1700 euro per un set.

Articolo precedenteFleximan: il confine sottile tra l’auto-promozione e l’apologia di reato online
Prossimo articoloZayn Sofuoglu: Il giovanissimo fenomeno del mondo dello sport
Felice Galluccio
Giornalista pubblicista. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di comunicazione: rassegna stampa, addetto stampa, addetto alle pubbliche relazioni, creazioni eventi, correttore di bozze, direttore editoriale di un giornale online, editorialista, social manager.