Fleximan: il confine sottile tra l’auto-promozione e l’apologia di reato online

0
52

Il numero di autovelox distrutti continua a crescere per mano di quello che è stato soprannominato Fleximan, il vendicatore dei rilevatori. Tra gli ultimi bersagli ci sono un velox in Lombardia, nella provincia di Bergamo, e un altro caso nel padovano.

È improbabile che sia la stessa persona a distruggere tutti questi autovelox, visto che le segnalazioni provengono da diverse parti del nord Italia. Tuttavia, il fenomeno sta assumendo contorni preoccupanti e sui social e su internet c’è un gran numero di persone che celebrano il vendicatore.

È importante sottolineare che danneggiare un autovelox, anche se fastidioso come quello killer di Ventimiglia, è assolutamente un reato, pertanto è consigliabile non incitare comportamenti al di sopra della legge.

C’è il rischio che i sostenitori di Fleximan possano incorrere nell’apologia di reato, ovvero nel difendere pubblicamente comportamenti illegali. Il procuratore capo di Treviso, Marco Martani, ha precisato che danneggiare un bene pubblico destinato al servizio pubblico potrebbe configurare l’apologia di reato.

Mentre molti esaltano le azioni di Fleximan, è importante considerare che ci sono anche persone che fanno notare la gravità della situazione e evidenziano le conseguenze negative di tali comportamenti.

Articolo precedenteBologna, la città verde: 300 Volvo EX30 full electric in arrivo per il car sharing
Prossimo articoloElettrizzante novità: gli sci elettrici per le strade!
Avatar
Sono una giovane e appassionata giornalista di 22 anni che lavora per il rinomato sito di tecnologia "Tecnoandroid.it". Nata e cresciuta a Roma, Italia, ho sviluppato un grande interesse per la tecnologia e i dispositivi elettronici fin dalla tenera età.