Il Day 1 dei test in Bahrain: Le lezioni apprese da F1, Ferrari, Red Bull e non solo

0
29

Nella prima giornata dei test pre-stagionali di Formula 1 del 2024, c’è molto di più da scoprire oltre ai semplici tempi sul giro. Con sole otto ore di attività in pista, i team hanno lavorato incessantemente per saggiare le nuove monoposto, lasciando i tempi al di là delle considerazioni più profonde.

La Red Bull ha sorpreso tutti con la sua nuova vettura, la RB20, mostrando alcune difficoltà iniziali, ma dimostrando poi prestazioni notevoli durante la giornata. Max Verstappen ha superato Lando Norris con grande nonchalance, dimostrando che la direzione audace presa dalla Red Bull ha dato i suoi frutti.

La Williams FW46, con uno schema pull-rod per le sospensioni posteriori, ha dimostrato una scelta di risparmio, utilizzando la stessa sospensione del 2023 per risparmiare tempo e denaro nello sviluppo del retrotreno. Tuttavia, la vettura ha accusato alcuni problemi tecnici, dimostrando che anche la simulazione più accurata non può prevedere tutto.

La Visa Cash App RB, con le sue sinergie con la Red Bull, sembra avere le carte in tavola per dare fastidio al centro classifica, dimostrando che l’aspetto tecnico può fare la differenza anche per i team più piccoli.

La Mercedes, nonostante alcuni problemi iniziali, ha raccolto dati utili con un assetto aggressivo in termini di altezza da terra, che potrebbe indicare un buon segnale per il futuro.

Infine, la Ferrari SF-24 sembra essere meno capricciosa rispetto al passato, dimostrando un miglioramento significativo nella guidabilità. La gestione delle gomme è ancora un punto interrogativo, ma i prossimi giorni di test forniranno ulteriori risposte.

Articolo precedenteTre spot del Ministero sulla sicurezza: un modo efficace per educare e sensibilizzare
Prossimo articoloScopri i risultati dei test prestagionali F1 2024 a Bahrain: chi è in testa?
Avatar
Sono una giovane e appassionata giornalista di 22 anni che lavora per il rinomato sito di tecnologia "Tecnoandroid.it". Nata e cresciuta a Roma, Italia, ho sviluppato un grande interesse per la tecnologia e i dispositivi elettronici fin dalla tenera età.