Il segreto per mantenere la tua batteria al massimo delle prestazioni: come controllare lo stato di salute e massimizzare la durata

0
33

L’Unione Europea ha recentemente annunciato l’introduzione del “passaporto della batteria” per i veicoli elettrici venduti nel territorio a partire dal febbraio 2027. Si tratta di un documento digitale collegato al numero identificativo del veicolo (VIN) e sarà disponibile tramite un codice QR. Questa iniziativa fa parte del nuovo Regolamento UE sulle batterie, progettato per migliorare la trasparenza sulle componenti elettriche.

I passaporti della batteria offriranno dettagli sulla provenienza e sullo stato delle materie prime utilizzate, garantendo una maggiore visibilità sulle catene di approvvigionamento spesso ambigue. Questi documenti creeranno anche una traccia digitale delle fasi di produzione, consentendo ai produttori di batterie e veicoli di accedere a informazioni cruciali sulla catena di approvvigionamento.

Inoltre, i passaporti riveleranno dettagli sulle materie prime utilizzate, come cobalto, grafite, litio, mica e nichel. Tuttavia, l’accesso a queste informazioni sarà limitato in base al ruolo dell’entità nella catena di approvvigionamento, con i produttori automobilistici che avranno una visione completa.

Questa iniziativa è destinata a fornire ai consumatori finali un’informazione più dettagliata sulla composizione delle batterie dei loro veicoli elettrici, influenzando le decisioni di acquisto e promuovendo la sostenibilità. Inoltre, si parla anche di nuove tecnologie preannunciate, come la batteria per auto basata su energia nucleare, anche se l’affidabilità di queste affermazioni è ancora oggetto di discussione.

Articolo precedenteIl segreto di chi ha acquistato un libro al mese per 15 anni: scopri i benefici di questa abitudine
Prossimo articoloLa rivoluzione dell’automobile: Addio vecchia R5, benvenuta nuova era!
Avatar
Sono una giovane e appassionata giornalista di 22 anni che lavora per il rinomato sito di tecnologia "Tecnoandroid.it". Nata e cresciuta a Roma, Italia, ho sviluppato un grande interesse per la tecnologia e i dispositivi elettronici fin dalla tenera età.