La Cina si prepara a dominare il mercato delle batterie, anche quelle allo stato solido

0
43

Anche i costruttori asiatici, che attualmente dominano il mercato, stanno ricercando alleanze per accelerare lo sviluppo delle batterie per veicoli elettrici. Il Governo cinese ha promosso la creazione del consorzio CASIP (China All-Solid-State Battery Collaborative Innovation Platform), che vede la partecipazione di aziende leader come BYD, NIO e CATL.

La sfida di questo consorzio è quella di creare una sola industria focalizzata sullo sviluppo delle batterie allo stato solido (SSB), con l’obiettivo di far progredire rapidamente il settore e rendere l’industria cinese competitiva rispetto ai produttori giapponesi e coreani.

Con BYD e CATL che detengono già il 50% del mercato globale delle batterie elettriche, l’industria cinese ha l’opportunità di rafforzare la sua leadership nel decennio a venire. BYD e CATL sono fornitori principali di case automobilistiche come Tesla, Toyota, Mercedes, BMW e Ford, consolidando così la loro posizione nel mercato.

Il consorzio CASIP coinvolge sia il ministero della Scienza e della Tecnologia che il ministero dell’Industria e dell’Informazione Tecnologica, insieme all’Autorità Nazionale per l’Energia. Molte aziende energetiche e di investimenti come FinDreams, CALB, EVE Energy e Gotion High-tech, insieme a NIO e la divisione auto di BYD, si uniranno al consorzio, permettendo di rafforzare la tutela dei brevetti e contrastare le cause intentate da CATL contro altre aziende del settore.

In questo modo, l’industria cinese si prepara a competere a livello globale nel settore delle batterie per veicoli elettrici.

Articolo precedenteLa ribellione dei trattori: contro l’elettrico
Prossimo articoloFerrari SF-24: L’ultima e più veloce monoposto per il Mondiale di F1 2024
Felice Galluccio
Giornalista pubblicista. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di comunicazione: rassegna stampa, addetto stampa, addetto alle pubbliche relazioni, creazioni eventi, correttore di bozze, direttore editoriale di un giornale online, editorialista, social manager.