La nuova Subaru WRX: potenza, prestazioni e emozioni al massimo livello!

0
4

La Subaru si presenta al Goodwood Festival of Speed con una WRX unica. Questa vettura scura viene definita Project Midnight in virtù della sua carrozzeria completamente realizzata in fibra di carbonio, che riduce in modo significativo il peso.

Accompagnata da un notevole aumento di potenza sotto il cofano, Subaru afferma che questa è la WRX da corsa più veloce e reattiva mai prodotta dalla Subaru Motorsports USA.

Partendo dal motore, si tratta di un flat-four da 2.0 litri derivato dal team di rallycross di Subaru Motorsport USA, ma con 670 CV e 922 Nm di coppia. Il motore turbocompresso e con intercooler gira a 9.500 giri/min, garantendo una potenza eccezionale su tutte e quattro le ruote.

La vettura è montata su un telaio alleggerito per le corse e pesa 1.120 kg, riducendo di circa 454 kg il peso rispetto a una WRX di serie.

La carrozzeria in fibra di carbonio presenta importanti aggiornamenti aerodinamici, con alette, spoiler e passaruota aggressivamente svasati per un look widebody.

L’alettone posteriore è una versione modificata di quello utilizzato sulla vettura da rally di Subaru negli Stati Uniti. La vettura monta una sospensione personalizzata e utilizza cerchi da 18 pollici con pneumatici slick per massimizzare l’aderenza.

Questo modello è l’erede della Gymkhana, ispirato al video del 2020 con Travis Pastrana. Con Scott Speed al volante, Subaru testerà le prestazioni di questa vettura a Goodwood e cercherà di stabilire nuovi record nei mesi a venire.

“Subaru Motorsports USA e il team di Vermont SportsCar hanno creato un’auto eccezionale”, ha dichiarato Speed. “È una combinazione unica di rallycross e sportiva, con una sensazione unica di guida e un’aderenza incredibile”.

Un’auto che non passa inosservata, pronta a lasciare il segno nella storia delle corse automobilistiche.

Articolo precedenteGuidare una supercar da nerd: l’esperienza futuristica che non ti aspetti!
Prossimo articoloAudi annuncia la fine della Q8 e-tron e la chiusura della fabbrica in Belgio: cosa c’è dietro questa decisione?
Avatar
Laureata in Culture Digitali e della Comunicazione, nonché in Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica, svolgo da anni il lavoro di redattrice digitale. Tra le mie passioni, ci sono il canto, il disegno. Inoltre amo viaggiare.