La rivoluzione ecologica di Tesla: 5 milioni di auto prodotte e 50.000 Supercharger installati

0
72

Tesla ha comunicato di aver prodotto la sua 5 milionesima vettura elettrica, un traguardo significativo nella loro storia. Inoltre, l’azienda ha anche installato il 50.000esimo Supercharger, una stazione di ricarica veloce per le auto elettriche. Ma questa non è una stazione qualunque. Tesla ha condiviso alcune foto di questa speciale colonnina, che si distingue dalle altre per il suo colore tutto rosso e per la sua vernice Ultra Red utilizzata nelle Model S e Model X. Inoltre, presenta un’etichetta “No 50.000” sulla parte inferiore. Nonostante Tesla non abbia rivelato la sua posizione esatta, le immagini del connettore di ricarica hanno fatto pensare che si trovi negli Stati Uniti o in Canada. E infatti, dopo pochissimo tempo, è stato identificato che si trova a Roseville, in California, nell’area di Sacramento. Un video è stato condiviso, mostrando il Supercharger e dando l’indirizzo preciso. Ci si aspetta che diventerà un punto molto frequentato dai proprietari di auto Tesla della zona. Nonostante le modifiche estetiche, il Tesla Supercharger rosso ha le stesse prestazioni di un normale Supercharger V3 da 250 kilowatt.

Con oltre 50.000 stalli e più di 5.000 stazioni in tutto il mondo, la rete Supercharger di Tesla è la più grande tra tutte le reti di ricarica rapida. Inoltre, il tasso di nuove installazioni è molto elevato, il che indica che la rete continuerà a crescere e a essere la più grande anche in futuro. Tesla sfrutterà questo primato per aprire sempre più stazioni anche per i proprietari di auto elettriche di altre Case automobilistiche.

Articolo precedenteLa sfida tra l’eleganza di Bugatti e le manie di una star di Hollywood: il caso della misteriosa portiera
Prossimo articoloLa sconvolgente tragedia di Freddie Flintoff: il destino di Top Gear in bilico!
Felice Galluccio
Giornalista pubblicista. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di comunicazione: rassegna stampa, addetto stampa, addetto alle pubbliche relazioni, creazioni eventi, correttore di bozze, direttore editoriale di un giornale online, editorialista, social manager.