Renault Megane E-TECH: stop alla produzione in Francia, ecco perchè

Un duro colpo per Renault, che stava consegnando i nuovi modelli E-TECH da pochi mesi, ora dovrà fermare la produzione

0
41

Renault ha interrotto la produzione della Mégane E-Tech Electric in Francia. Secondo un resoconto dei media francesi, la produzione nello stabilimento di Douai sarà momentaneamente sospesa dal 14 aprile al 25 aprile a causa della carenza di semiconduttori e della mancanza di parti dall’Ucraina.

I 2.300 dipendenti della fabbrica saranno messi a lavoro ridotto, come riporta Automobile Propre. I primi esemplari di Mégane E-Tech Electric, che a quanto pare sono già stati prodotti, saranno consegnati ai clienti in Francia a maggio come previsto. Tuttavia, le consegne delle nuove unità dell’auto elettrica da produrre subiranno ritardi a causa dell’interruzione della produzione.

Renault non è l’unico produttore in cui il lancio di un nuovo modello elettrico è compromesso a causa di parti mancanti: VW, ad esempio, ha dovuto rimandare il lancio della ID.5. Tuttavia, c’è una grande differenza: in VW, la ID.4 è ancora disponibile (anche se con lunghe scadenze), ma la Mégane E-Tech è un modello completamente nuovo ed estremamente importante per i piani di Renault.

Secondo il rapporto, non è solo lo stabilimento automobilistico di Douai ad essere interessato. Lo stabilimento di Cléon, dove vengono prodotti i motori elettrici, è già soggetto a restrizioni di produzione da marzo.

Un problema ancor prima della guerra

Già prima del blocco della produzione, le prime società di importazione di Renault stavano affrontando delle conseguenze: Renault Germania aveva già imposto il blocco degli ordini per i suoi modelli elettrici e ibridi plug-in a fine marzo. Renault voleva ancora vendere fino a 10.000 unità della Mégane E-Tech in Germania.

La Mégane E-Tech Electric è il primo modello Renault sulla piattaforma completamente elettrica CMF-EV.

Il modello elettrico compatto ha un prezzo di 35.200 euro al lordo delle sovvenzioni. Tuttavia, il modello entry-level con potenza di 96 kW e batteria da 40 kWh può essere caricato solo con 7,4 kW AC, un’opzione di ricarica DC è offerta solo dalla variante a partire da 37.100 euro.

Per il modello di punta (160 kW, 60 kWh, capacità di ricarica CA 22 kW, capacità di ricarica 130 CC), i prezzi partono da 41.700 euro.