Volkswagen: Una svolta elettrizzante – L’ascesa di Rimac e l’addio a Bugatti

0
32

Rimac è determinata ad espandersi globalmente, nonostante produca hypercar estremamente costose che sono accessibili solo a pochi clienti. L’obiettivo dell’azienda è creare una rete di distribuzione e vendita che sia presente in tutto il mondo, al fine di aumentare le vendite.

In linea con questa strategia, Bugatti-Rimac ha siglato un accordo con Volkswagen Group of America, che prevede che la filiale statunitense del gruppo tedesco gestisca l’importazione e la distribuzione dei veicoli negli Stati Uniti. Questo accordo riguarderà sia le Bugatti che la Nevera.

Tuttavia, ci sono ancora molti aspetti da definire, tra cui la questione della rete di vendita. Non si sa ancora se Volkswagen America creerà concessionarie apposite o si affiderà ad altre strutture già esistenti, come i rivenditori Porsche o Audi. Queste domande rimangono al momento senza risposta.

Pablo Di Si, Presidente e CEO di VW America, si è detto entusiasta di continuare a distribuire i veicoli Bugatti e di importare e distribuire i modelli Rimac grazie a questa collaborazione. Ha sottolineato che la rete di distribuzione dell’azienda fornisce da tempo il supporto e la competenza necessari per garantire ai clienti un’esperienza di massima qualità.

Inoltre, Rimac ha firmato un contratto di fornitura di celle agli ioni di litio con Eve Energy, un produttore cinese. Le celle saranno assemblate da Rimac per creare le particolari batterie della sua Nevera. Jincheng Liu, fondatore e presidente di Eve Energy, ha sottolineato l’importanza della collaborazione con Rimac per ridefinire il futuro della produzione di sistemi di batterie ad alte prestazioni ed efficienza.

In conclusione, Rimac sta cercando di espandersi a livello globale attraverso la creazione di una rete di distribuzione e vendita capillare. La collaborazione con Volkswagen Group of America per l’importazione e la distribuzione dei veicoli negli Stati Uniti e il contratto con Eve Energy per la fornitura di celle agli ioni di litio rappresentano importanti passi avanti verso l’obiettivo di Rimac di conquistare il mondo dell’automotive.

Articolo precedenteParcheggi distratti: una multa da 200 euro è dietro l’angolo!
Prossimo articoloLa raffinata eleganza del Superlettore: alla scoperta dell’universo di cultura e pensiero
Felice Galluccio
Giornalista pubblicista. Nella mia vita professionale mi sono sempre occupato di comunicazione: rassegna stampa, addetto stampa, addetto alle pubbliche relazioni, creazioni eventi, correttore di bozze, direttore editoriale di un giornale online, editorialista, social manager.