Il futuro dell’energia nucleare in Italia: prospettive e sfide

0
55

Dino Marcozzi, un tecnico esperto del settore nucleare, offre delle interessanti considerazioni sul panorama del nucleare italiano. L’ex dirigente Enel smonta il presunto “primato” degli anni ’60, evidenziando come il nostro Paese sia sempre stato in costruzione di tecnologie statunitensi e inglesi. Inoltre, Marcozzi sottolinea come l’Italia, non si sia mai distinta nella creazione di tecnologie proprie come ha fatto la Francia. Parlando delle centrali, cita come esempio la centrale di Latina costruita su licenza inglese e il fallimento del prototipo ibrido CIRENE negli anni ’80. Infine, evidenzia come la tecnologia convenzionale del nostro Paese sia sempre stata di licenza estera, senza alcuna innovazione italiana. A giudizio dell’ingegnere nucleare, sarebbe velleitario puntare su una rinascita nucleare, considerando la nostra costante dipendenza da tecnologie straniere.

Articolo precedenteLa rivoluzione delle batterie: ZEEKR presenta la nuova batteria LFP
Prossimo articoloUna partnership elettrizzante: Tesla e Carrefour insieme per la sostenibilità
Avatar
Sono una giovane e appassionata giornalista di 22 anni che lavora per il rinomato sito di tecnologia "Tecnoandroid.it". Nata e cresciuta a Roma, Italia, ho sviluppato un grande interesse per la tecnologia e i dispositivi elettronici fin dalla tenera età.